Pratiche per detrazioni fiscali

Gli interventi di riqualificazione energetica di edifici già esistenti danno diritto a una detrazione dall’imposta lorda, che può essere fatta valere sia sull’Irpef che sull’Ires, pari al 50 per cento delle spese sostenute entro il 30 giugno 2013 (Dl n. 83/2012). Dal 1° luglio 2013 questi incentivi saranno sostituiti con la detrazione Irpef del 36 per cento già prevista per le spese di ristrutturazioni edilizie. GUARDA IL VIDEO PER SAPERNE DI PIU'

  • Quali interventi comprende?

    • spese sostenute per eseguire gli interventi di manutenzione straordinaria, le opere di restauro e risanamento conservativo e i lavori di ristrutturazione edilizia per i singoli appartamenti e per gli immobili condominiali.
    • interventi di manutenzione ordinaria danno diritto alla detrazione Irpef solo se riguardano le parti comuni di edifici residenziali.
    • l’eliminazione delle barriere architettoniche, aventi a oggetto ascensori e montacarichi (ad esempio, la realizzazione di un elevatore esterno all’abitazione)
    • la realizzazione di ogni strumento che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo di tecnologia più avanzata, sia adatto a favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione per le persone portatrici di handicap gravi (articolo 3, comma 3, della L. 104/1992)
    • l’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi
    • l’esecuzione di opere volte a evitare gli infortuni domestici
    • le spese sostenute per la ricostruzione o il ripristino di un immobile - anche non residenziale - danneggiato a seguito di «eventi calamitosi» (previa dichiarazione dello stato di emergenza).La detrazione è possibile solo per le spese sostenute e rimaste a carico del contribuente e quindi non è valida per interventi incentivati dal Comune.

    Il limite di spesa sul quale calcolare la detrazione è di 48.000 euro per unità immobiliare (96.000 euro per le spese sostenute dal 26 giugno 2012, data di entrata in vigore del decreto legge n. 83/2012, al 30 giugno 2013); la detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo; l’obbligo di indicare in fattura il costo della manodopera è stato soppresso dal decreto legge n. 70 del 13 maggio 2011. La detrazione spetta anche per l’acquisto di immobili ristrutturati da imprese di costruzione o ristrutturazione o da cooperative.

  • Chi puo usufruire dei contributi fiscali?

    Possono usufruire della detrazione fiscale 50% tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento. Sono ammessi a fruire della detrazione fiscale 50% anche i familiari conviventi con il possessore o detentore dell’immobile.

  • Chi predispone la pratica detrazione IRPEF del 50% e quanto tempo occorre?

    PRATICHE FACILI è attiva in Piemonte e vi garantisce massima professionalità e velocità nell'invio della documentazione. Contattaci senza impegno per un preventivo, per un appartamento inferiore ai 100 mq recuperiamo la documentazione in 2-3 giorni lavorativi.